In un’epoca di automatismi, repliche e grandi numeri, c’è un luogo in cui le macchine dell’industria conoscono la filosofia degli artigiani, un luogo in cui le serie non esistono, e ogni cosa è un’eccezione. Le scarpe artigianali sono vere e proprie opere d’arte da indossare, che noi di Tecnomodel realizziamo grazie alla maestria dei nostri artigiani e all’ausilio delle più avanzate tecnologie. Tradizione e innovazione, un connubio vincente per creare delle calzature di assoluta eccellenza.

RICERCA E PROGETTAZIONE

Le prime fasi della realizzazione delle calzature sono la ricerca e la progettazione. Cogliere le tendenze del momento, scoprire le ultime novità, anticipare le mode di domani, analizzare il gusto, gli usi e i costumi non solo nel mercato di riferimento ma anche in altri settori, come design, moda e lifestyle più in generale. Tutto questo si traduce poi in ispirazione. Lo stilista elabora le sue proposte, trasferendo su carta le sue intuizioni. Dall’idea al disegno, la creatività piano piano prende forma.

Due mani di donna disegnano la sagoma di una scarpa con una matita su un foglio sopra un tavolo pieno di schizzi

MODELLERIA E TAGLIO

Dallo stilista al modellista, il progetto passa successivamente sulla forma che viene perfettamente vestita. E su questa forma vengono tracciate le linee, realizzati i cartamodelli, infine tagliati i pellami e le fodere. Questa è un’operazione molto delicata che solo tagliatori esperti possono compiere con la dovuta attenzione e precisione, per selezionare la parte più pregiata del pellame e valorizzarne al massimo le peculiarità. Durante questo processo, sia che esso venga svolto manualmente che digitalmente, il contributo e la supervisione dei nostri esperti sono fondamentali per garantire la massima cura e la meticolosa attenzione ai minimi dettagli.

Vista dall'alto di taglio a mano di un lembo di pelle sopra un tavolo

ASSEMBLAGGIO E CUCITURA

A questo punto tutte le parti tagliate che costituiscono la tomaia e la sua fodera, insieme ai rinforzi e ai supporti, ovvero la soletta di montaggio, il puntale, il contrafforte sul tallone, vengono assemblati e cuciti attraverso un’operazione chiamata orlatura. La tomaia infine viene assemblata al sottopiede e alla suola. Nasce così la struttura di una calzatura, il suo scheletro. Il montaggio è un’operazione complessa nella quale la scarpa viene lavorata non solo con l’ausilio di macchinari ma anche con l’utilizzo di antichi utensili, gli intramontabili “ferri del mestiere”.

Forma di una scarpa sopra la scrivania e operaio che applica la tomaia sopra una forma

PROTOTIPIA E CAMPIONATURA

Dopo tutti questi procedimenti, si passa agli ultimi ritocchi, alla fase di finissaggio e rifinitura. La calzatura viene sottoposta a diversi trattamenti quali spazzolatura e coloritura attraverso creme o cere naturali per restituire al pellame la morbidezza e lucentezza originarie. Queste operazioni vengono svolte seguendo i metodi di lavorazioni tradizionali, grazie all’abilità manuale dei nostri artigiani calzolai. Si ottiene così il prototipo, il primo di una futura serie produttiva, da cui nasceranno i campioni e poi l’intera collezione. Nella fase di industrializzazione ogni singolo paio viene lavorato come se fosse un pezzo unico e irripetibile, con la passione artigianale e l’abilità manuale che da sempre ci contraddistingue.

Stivaletto scamosciato su un macchinario